“Oddio, sono incinta!” – Pensieri di una neomamma trentenne

Quando decidi di avere un bimbo sembra tutto perfetto, idilliaco. Anche se dici “Ma si, non ci pensiamo più di tanto! Periodo fertile, ovulazione, ma vvvva!” in realtà il tuo inconscio ti spinge involontariamente a diventare “più attiva” guarda caso proprio nel periodo giusto. Dentro di te speri che il tutto avvenga il prima possibile, ora hai deciso, quindi deve succedere subito. Cerchi di non pensarci, di “fregartene”, ma ogni mese sei li che speri di non avere sorprese. E ti stupisci di te stessa. Pensare che fino a qualche tempo fa pregavo Dio di farmele venire con puntualità per evitarmi infarti.

E poi succede.

L’ennesimo test di gravidanza diventa, finalmente, positivo. Vuoto. Nella tua mente scompaiono tutti i buoni propositi, i pensieri idilliaci di prima, i film mentali sulla futura famigliola felice. No. Ci sei solo tu, con le mani leggermente bagnate di pipì (sì perché, ammettiamolo, quei robi potevano farli meglio!) che guardi uno stick con sopra due lineette. E pensi:” ok, nella mia pancia c’è qualcosa”. Poi arriva subito dopo il dubbio:” e se è sbagliato? Ne devo fare un altro!” e via a sovvenzionare le case farmaceutiche produttrici di test di gravidanza. Perché uno non basta, e neanche due, solitamente le gambe cominciano a cedere al terzo. Lo step successivo è guardare online. Se prima la ricerca predefinita su Google era “sintomi gravidanza”, ora è “inizio gravidanza” oppure “test positivo”. E si vagliano tutti i vari forum e siti che dicono sempre le stesse cose.
Poi cominciano gli sbalzi d’umore. Super felice, mega depressa, “oddio ma non ho ancora fatto tutto quello che volevo fare” oppure “Quando posso cominciare a fare shopping?” ecc…

Di solito si comincia a realizzare cosa succede dopo qualche giorno. A me è successo il giorno dopo quando, appena sveglia, mi sono seduta sul letto e ho detto “Oddio, sono incinta!” e un urto di vomito ha fatto capolino dalla mia gola.

Continua…

Se ti è piaciuto, condividi

Lascia un commento